Dott. Luigi Adamo
Radiologo

Visualizza il Curriculum Vitae

ecografieL’Ecografia è tecnica di indagine diagnostica che utilizza gli ultrasuoni, allo scopo di fornire un’immagine dell’interno di un organo o di una parte del corpo umano. Nell’immagine ecografica le parti biologiche con strutture diverse (tessuti fibrosi o adiposi o parti liquide) appaiono con una tessitura e un’intensità differenti e lo specialista è in grado di associare tali conformazioni a quadri clinico-patologici diversi, come cisti, adenomi, liquido infiammatorio, degenerazioni di tessuti, formazioni tumorali.

L’ecografia è una tecnica diagnostica piuttosto versatile, ben tollerata, non invasiva, di rapida esecuzione e dai costi decisamente contenuti. A differenza di altre tecniche diagnostiche, di notevole utilità ma non prive di rischi legati all’utilizzo di radiazioni ionizzanti, l’ecografia è un esame al quale non sono imputabili effetti dannosi, in quanto l’attraversamento dei tessuti da parte degli ultrasuoni non è in grado di generare apprezzabili conseguenze. Quindi, sostanzialmente, si tratta di un esame per il quale non esistono controindicazioni e che può essere ripetuto più volte nell’arco di brevi periodi di tempo.

L’ecografia è utile allo studio delle strutture del collo (tiroide, linfonodi, ghiandole salivari), degli organi addominali e pelvici, della cute e del sottocute, dei tendini, dei muscoli, delle articolazioni, del seno, del cuore e dei vasi sanguigni (Ecodoppler).

ecodopllerL’Ecodoppler è una tecnica diagnostica incruenta, non invasiva ed esente da rischi che consente un’accurata analisi dei flussi ematici nei vasi arteriosi e venosi.

Grazie all’ecodoppler, lo specialista è in grado di valutare molte informazioni quali la morfologia dei vasi, il loro grado di pervietà, l’eventuale presenza di malformazioni, stenosi od occlusioni.

Poiché con l’ecodoppler si analizzano sia i vasi venosi che quelli arteriosi è possibile indagare con questa tecnica diagnostica sia le patologie delle vene (insufficienza venosa, trombosi venosatromboflebite) che quelle delle arterie (aorta, carotidi, vertebrali, arterie degli arti inferiori e di alcuni organi addominali).